Orgasmo femminile e orientamento sessuale.

Dott.ssa Daniela Botta
Istituto di Sessuologia Clinica

In un’indagine su larga scala, condotta dal National Survey of Sexual Health and Behavior negli Stati Uniti, il 91% degli uomini hanno dichiarato di aver raggiunto l’orgasmo durante il loro rapporto se01_4_Immagine-Articolo_Orgasmo-femminilessuale più recente contro il 64% delle donne. Questa differenza nella frequenza orgasmica tra uomini e donne è riportata in molteplici studi dai quali si evince che gli uomini eterosessuali sovrastimino in modo sistematico la frequenza dell’orgasmo nei loro partner femminili. Le percentuali variano anche in relazione alle pratiche sessuali: secondo una ricerca Australiana infatti, solo la metà delle donne che avevano avuto esclusivamente un rapporto penetrativo riportava di aver avuto un orgasmo, questa percentuale era maggiore nelle donne in cui al rapporto vaginale si era aggiunta la stimolazione manuale ed ancor di più nelle donne che avevano avuto un rapporto vaginale con stimolazione manuale e sesso orale. In altri studi in cui si evidenziano le differenze rispetto all’orientamento sessuale, le donne lesbiche hanno riferito di sperimentare orgasmi con un tasso significativamente più alto rispetto alle eterosessuali o bisessuali mentre tra gli uomini non ci sono differenze significative tra eterosessuali ed omosessuali.
La ricerca pubblicata ad aprile 2017 negli Archives of Sexual Behavior esamina le differenze di frequenza dell’orgasmo tra i sessi e tra i diversi orientamenti sessuali, e tenta di individuare diversi fattori e pratiche potenzialmente legati alla frequenza dell’orgasmo quali caratteristiche socio-demografiche, frequenza del sesso orale, comunicazione sessuale, stato dell’umore, ricerca di una maggiore varietà delle pratiche sessuali con il partner etc.
Nello studio, che include 60.000 persone tra cui uomini eterosessuali, gay, bisessuali, donne lesbiche, bisessuali e eterosessuali, alla domanda: “Durante il mese scorso quanto spesso hai raggiunto l’orgasmo nei rapporti sessuali con il tuo partner?” Il 95% degli uomini eterosessuali hanno risposto “quasi sempre”, contro l’86% delle donne lesbiche ed il 65% delle donne eterosessuali.
Un altro aspetto interessante della ricerca è che gli uomini eterosessuali sostenevano che le loro partner raggiungevano sempre l’orgasmo nei rapporti sessuali al contrario di quanto dichiarato dalle donne. Questa discrepanza è probabilmente da ricondursi all’abitudine delle donne di fingere l’orgasmo per proteggere l’autostima di se stesse e del partner o di mettere fine al rapporto sessuale. Le donne con una maggiore frequenza orgasmica erano quelle che ricevevano più spesso sesso orale, dedicavano agli incontri sessuali tempi più lunghi ed erano più soddisfatte dei loro rapporti intimi. Altri fattori che differenziavano le donne con maggiore frequenza orgasmica erano:
l’esprimere i desideri sessuali, comunicare maggiormente le fantasie sessuali, maggiore disponibilità ad esplorare diverse pratiche e posizioni, maggior uso di linguaggio sessuale e amoroso durante il sesso.
Interessante notare che01_3_Immagine-Articolo_Orgasmo-femminile a parità di tutti questi fattori però le donne lesbiche riportavano una maggior frequenza orgasmica, per cui l’ipotesi degli autori è che le donne che fanno sesso con altre donne siano più empatiche nel capire il tipo di stimolazione di cui la partner ha bisogno per raggiungere l’orgasmo con una stimolazione adeguata del clitoride invece che dare esclusività alla stimolazione vaginale, e che gli script sessuali lesbici siano caratterizzati più da una ‘‘turn-taking culture’’ in cui vi è un’alternanza nella stimolazione finché la partner non raggiunge l’orgasmo (che è un risultato desiderato).
La maggiore frequenza dell’orgasmo nelle donne lesbiche fa supporre comunque che una maggior disponibilità alla comunicazione delle proprie preferenze e all’esplorazione delle pratiche sessuali, anche nelle relazioni eterosessuali le donne possano raggiungere più frequentemente l’orgasmo.